Il ristorante Savoy di Aino ed Alvar Aalto

Annunci

Il ristorante Savoy fu fondato nel 1937, ai due piani superiori dell’edificio Teollisuuspalatsi, originariamente commissionato da A. Ahlström Oy.

Situato all’angolo tra Eteläesplanadi e Kasarmikatu a Helsinki, l’edificio fu progettato dagli architetti e fratelli Valter e Bertel Jung, che progettarono anche l’Hotel Torni del 1931.

Harry Gullichsen, amministratore delegato di A. Ahlström Oy, ha assegnato il design del ristorante ad Aino e Alvar Aalto.

La coppia aveva conosciuto Harry e Maire Gullichsen un paio di anni prima, la loro amicizia e collaborazione avevano portato a diversi progetti chiave come Artek, che fu fondata nel 1935.

La coppia, ha creato diversi nuovi mobili, progetti di illuminazione e oggetti interni per il ristorante, prodotto da Artek.

Il ristorante Savoy di Helsinki che è stato inaugurato il 3 giugno 1937, ha assunto lo status di leggenda: è famoso come icona della storia culturale, oltre che per il suo cibo.

Ubicato al 7° e 8° piano del palazzo industriale, progettato da Valter Jung, il Savoy ha mantenuto quasi invariato l’aspetto degli anni ’30.

Le impiallacciature di betulla di pareti e soffitti, le sedie di di Aino Aalto e l’illuminazione di Alvar Aalto creano un ambiente fresco e pulito, con quella particolare “patina” che non si scurisce nel tempo ma, al contrario, fornisce al luogo una natura intima.

La cucina del Savoy combina abilmente tradizioni e tendenze, mette in evidenza il cibo biologico e locale e in estate ha il suo giardino di erbe profumate sulla terrazza. Uno dei piatti più noti del menu è lo stufato di carne Vorschmack – si dice che il maresciallo Mannerheim abbia portato con sé la ricetta da Varsavia.

Nonostante i cambiamenti di proprietà, il suo interno unico è rimasto praticamente invariato per fino ai giorni nostri: la tavola del maresciallo Mannerheim, ex leader finlandese, è ancora al suo antico posto.

Lo stesso vale per l’arredamento interno, creato da Aino e Alvar Aalto, che comprende elementi di spicco di produzione Artek.

Quando il ristorante Savoy fu acquistata da Financier Group nel 2019, i nuovi proprietari promisero di ripristinare il ristorante, progettato da Aino e Alvar Aalto, al suo antico splendore. A tal fine, hanno chiesto l’aiuto del designer britannico di fama mondiale, Ilse Crawford.

Volevamo il meglio. Ilse Crawford ha una profonda conoscenza dell’eredità della coppia Aalto e ha riconosciuto che si trattava di creare un interno Aalto piuttosto che il suo”, afferma Saku Tuominen, azionista di Financier Group.

Vedendo l’interno del nuovo ristorante, la prima reazione è di assoluta sorpresa: qui non è cambiato nulla?

Dotato di un’atmosfera elegantemente raffinata degli anni ’30, la sensazione è quella che quest’ultima non fosse stata reintrodotta ma solamente spolverata e rinfrescata.

Le sedie originali sono state rinnovate e rivestite di nuovo, i tavoli sono stati rinnovati o commissionati secondo i disegni di Aalto, e i pendenti ciondoli Golden Bell sono ritornati a brillare.

Solo i grandi vasi Savoy sono stati per il moneto rimossi, a causa delle cattive condizioni di alcuni di essi. Alcuni dei vasi più piccoli e preziosi sono esposti sotto vetro nella hall.

Gli alti e colorati vasi Aalto messi sui tavoli nel corso dei decenni sono stati sostituiti.

Crawford voleva ripristinare lo spirito originale del 1937 della sede.

Voleva anche evidenziare i ruoli interpretati da Aino Aalto e Maire Gullichsen nella creazione del Savoy. In omaggio a Gullichsen, il divano contro la parete laterale è stato nuovamente imbottito con strisce bianche e nere, scelta che è un riferimento al motivo zebrato utilizzato da Aino Aalto per i mobili Artek negli anni ’30.

La terrazza interna invece è il luogo dove si sono concentrate di più le modifiche: questo spazio, privo di fascino, è ora più in linea con lo spirito di Aalto e l’atmosfera del ristorante.

Il rinnovamento della Savoia fu completato in collaborazione con il Museo della città di Helsinki, la Fondazione Alvar Aalto, Artek e Ahlströms (i proprietari della Savoy). L’architetto, Tapani Mustonen, uno specialista dell’eredità della coppia Aalto, ha seguito il progetto.

Vogliamo che il ristorante Savoy diventi un ristorante di classe mondiale e un santuario per la coppia Aalto”, afferma Tuominen.

Tuominen ritiene che il segreto della longevità del ristorante risieda nel fatto che il suo design incorpora i valori umani di base.

Come scrissero una volta Aino e Alvar Aalto nella rivista, Arkkitehti (Finnish Architectural Review):

Le stanze dovrebbero essere visualizzate quando le persone sono presenti. In tali circostanze, le superfici tenui ma chiare offrono uno sfondo tranquillo e rilassante per le persone che si godono occasioni festive, piatti e bevande ai tavoli decorativi”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.