La serie di sedute Victoria and Albert di Ron Arad

Victoria and Albert sono una serie di sedute del designer israeliano Ron Arad, realizzate per Moroso.
La scelta del nome Victoria and Albert è un omaggio al famoso museo di Londra, museo che ha ospitato le opere di Arad nel giugno del 2000. Ron Arad ha ricambiato l’ospitalità ricevuta dedicando all’evento questa serie di sedute.

La serie è costituita da due poltrone e un divano (vero protagonista della serie): una forma vera, positiva, capace di mediare design e funzionalità, assicurando così massimo confort e accoglienza.
Il divano ha una forma molto particolare, una sorta di “ciambella” schiacciata che diventa scultura; Ron Arad, usando l’ironia, riesce a sfuggire ai dettami del design industriale. La struttura interna è in fibra di vetro, alla stessa è calzata a pennello l’imbottitura e la tappezzeria.

La poltrona Little Albert è invece prodotta in serie con tecnologia rotazionale ed è completamente riciclabile. La plastica utilizzata è resistente agli shock termici e alla luce del sole e rende la poltrona particolarmente adatta all’uso esterno.

L’ultima poltrona della serie, poggia su una struttura in acciaio che contribuisce ad aumentarne la leggerezza e ne esalta ulteriormente la splendida forma. Realizzata in espanso schiumato a freddo ignifugo con struttura interna in acciaio, è disponibile anche in versione girevole. Il rivestimento è in tessuto sfoderabile, ad eccezione delle versioni in pelle.

La serie è a catalogo Moroso con questi prezzi: la poltrona in versione tessuto Little Albert a circa 1900,00 euro, la versione in lvc a circa 350,00, il divano da circa 6400,00 euro e la poltroncina su struttura in acciaio a circa 2.000,00 euro.

victoria-and-albert-moroso1.jpg
L’iconico divando della serie Victoria and Albert di Ron Arad per Moroso
8a4df199-690c-48be-8a7d-a8591eb26677.jpg
La poltroncina Little Albert della serie Victoria and Albert di Ron Arad per Moroso



 

Annunci

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.