Il calendario perpetuo di Enzo Mari per Danese

A fine anno generalmente, mi vengono offerti dei calendari; da appendere o appoggiare mi seguiranno per l’intero anno ripetendo ad ogni fine mese il rito del giro pagina.

Ma che ruolo hanno i calendari al giorno d’oggi?

Abbiamo orologi, cellulari, computer, tablet con agende digitali sempre pronti a dirci cosa e quando dobbiamo fare qualcosa; addirittura ci possono avvisare con largo anticipo a seconda di come regoliamo le impostazioni.

Ma chi ama il design, sa svincolarsi dalla funzionalità dell’oggetto facendo emergere l’anima più recondita del feticista che è in se.

Quindi perché non mandare al diavolo tutte le diavolerie moderne e pensare all’arredo di un angolo della propria casa con un calendario perpetuo?

E quando si parla di calendario perpetuo non si può non fare riferimento a quelli ideati da Enzo Mari per la ditta Danese.

Il geniale designer piemontese propone nel 1959 il Calendario Bilancia, nel 1963 il bellissimo Formosa (che prima o poi farà parte della mia collezione) ed infine nel 1967 Timor, in mio possesso.

Per tutti, attraverso il gesto umano, si pone l’attenzione sul tempo: ogni giorno manualmente siamo “costretti” ad aggiornare il nostro tempo e quindi porre attenzione sul trascorrere dello stesso.

Annunci

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.