La poltroncina Louise 887 di Philippe Nigro

un meraviglioso gioco di incastri

La vetrina Wunderkammer di Enzo Mari

recupero di un archetipo semplice e lontano dalle mode

La poltrona Veryround di Louise Campbell

sedersi su di un merletto

Il divano Undercover di Anna von Schewen

dal grandissimo dettaglio sartoriale

La sedia Tonietta di Enzo Mari

un nuovo archetipo

Il tavolino Tod di Todd Bracher

una giustificata forma organica

Il tavolino Tempo di Prospero Rasulo

un forte carattere personale e distintivo

Il tavolo Spillo di Damian Williamson

Forme snelle, slanciate ed eleganti

Il tavolino Sirfo di Alessandro Mendini

emozioni, provocazioni, simbologia e humour

La sedia per visite brevissime Singer di Bruno Munari

una sedia senza esserlo

Il comodino Segreto di Ilaria Marelli e Diana Eugeni

intelligenza e humour

Il tavolo Sanmarco di Gae Aulenti

logica razionalista e stile “Hi-Tech”

Lo sgabello Remida di Fortunato Depero

designer di oggi più di cento anni fa

Il tavolo Orione di Roberto Barbieri

strutturalmente semplice ma catalizzatore

Il divano Onda di Jonathan De Pas, Donato D’Urbino e Paolo Lomazzi

chi lo avrebbe mai detto?

La sedia pieghevole Navy di Sergio Asti

una meravigliosa sedia pieghevole nei due sensi

La sedia Lia di Roberto Barbieri

tradizione ed innovazione tecnologica

Il divano Koochy di Karim Rashid

moderno e proiettato al futuro

La sedia Kate di Roberto Barbieri

Elegante, impilabile e confortevole

Il divano Grand’Italia di Jonathan De Pas, Donato D’Urbino e Paolo Lomazzi

bello da ogni angolazione

La cassettiera Genesio di Alik Cavaliere

bellezza poetica

Il sistema Europa di Gianfranco Gualtierotti e Alessandro Mazzoni Delle Stelle

una libera gestione della seduta

La sedia Fauno di David Palterer

dicotomie ben leggibili

L’angolare Cantone di Ettore Sottsass

sola come un monumento in piazza

La libreria Bibiana di Leonardo Mosso

un meraviglioso meccano

Il divano Alfa di Emaf Progetti

un meraviglioso capitonnè

I contenitori Adorno e Girotondo di Pierre Charpin

un artista che sconfina nell’arte

Il mobile contenitore Carlino di Carlo Mollino

surreale ed organico

Gae Aulenti

non c’è persona che non ricordi con nostalgia

La poltrona Milord di Alfredo Häberli

linee allungate, sottili ed eleganti

Lo specchio Milo di Carlo Mollino

se qualcosa ci salverà, sarà la bellezza

Il mobile a ripiani Joy di Achille Castiglioni

il mobile trasformista

Il divano William di Damian Williamson

un nuovo classico

La poltrona Gilda di Carlo Mollino

classico del design del XX secolo

Il tavolo Butterfly di Alexander Taylor

bello e puro

La chaise longue Brasilia di Ross Lovegrove

un corpo e una forma organica

La sedia pieghevole April di Gae Aulenti

raffinata, accattivante e pieghevole

Il portavasi Albero di Achille Castiglioni

l’invenzione di una tipologia

I contenitori Adhoc di Fattorini + Rizzini + Partners

gioco di incastri, colori, vuoti e pieni

Il tavolo Acanto di Enzo Mari

qualcosa di mai visto prima

La poltrona Moretta di Bernard Marstaller

ultra centenaria, scomponibile e disarticolata

Il portaoggetti Chichibio di Gino Levi Montalcini e Giuseppe Pagano

un must

La Chaise Longue Genni di Gabriele Mucchi

eleganza formale e contemporaneità

La poltrona Ardea di Carlo Mollino

senza tempo

Il tavolo Reale di Carlo Mollino

tra i più apprezzati al mondo

La scrivania Cavour di Carlo Mollino

design senza tempo

Lo sgabello Sella di Achille e Pier Giacomo Castiglioni

un lavoro da giocolieri

Il divano Throw-Away di Willie Landels

un capostipite

La poltrona Karelia di Liisi Beckmamm

libera e sperimentatrice

Il tavolo Poker di Joe Colombo

un tavolo leggendario