Il tavolino Kyoto di Gianfranco Frattini

quasi impensabile senza l’ausilio di macchine a controllo numerico