La sedia di Allen Jones

Accreditato per aver lanciato il movimento pop art britannico, Allen Jones (1937) è noto per i suoi dipinti figurativi che giocano con feticci celebrativi e satirici.

Dopo essersi trasferito a New York all’inizio degli anni ’60, Jones ha iniziato a sviluppare la sua tipica estetica erotica, spesso caratterizzata da immagini sessuali e dal suo interesse per le dinamiche di potere tradizionali maschili e femminili.

Il fascino di Jones per la sessualizzazione del corpo umano è emerso all’inizio del suo lavoro, portandolo in un’avventura creativa che si è rapidamente espansa da una tela bidimensionale ai mezzi della scultura e del design di mobili.

Nel 1970, Jones ha debuttato con la sua serie di sculture di mobili erotici intitolata “Hatstand, Table and Chair“. I tre pezzi, che oggettivano manichini femminili in fibra di vetro in ensemble BDSM, divennero rapidamente le opere più famose e controverse della sua carriera.

Al momento della loro presentazione, in tutto il mondo si stava verificando una crescente attività e consapevolezza del Movimento di Liberazione delle donne, mentre innumerevoli artiste come Judy Chicago e la regista Laura Mulvey esprimevano la loro critica alla prepotenza maschile.

Il trio di lavori “mobili” di Jones consisteva in manichini femminili poco vestiti, posizionati in piedi, in ginocchio e sdraiati in posizioni suggestive su tappeti irsuti.

Il suo uso di materiali erotici, stivali alti fino alle cosce, guanti di pelle, infradito e seni scoperti è stato accolto con polemiche immediate.

Mentre lo stile di Jones riflette il desiderio di esplorare la rappresentazione della “figura” nel contesto del minimalismo degli anni ’60, le sue nozioni erotiche hanno giocato con l’oggettivazione delle donne e hanno mandato in fiamme le femministe.

I manichini “fetish” di Allen Jones hanno portato l’artista alla fama internazionale rendendolo contemporaneamente il nemico numero uno del Movimento di Liberazione delle donne.

Le sue creazioni non hanno vincoli, solo libere, libere da proibizioni e vergogn,e tese ad enfatizzare la carica erotica amplificandone i significati, esplorando nel contempo l’aspetto ludico delle composizioni.

Sebbene Jones abbia difeso il suo lavoro come una dichiarazione sulla forma femminile in risposta al declino travolgente della rappresentazione figurale nell’arte moderna, le sue mostre hanno continuato a suscitare indignazione mentre i manifestanti lanciavano bombe puzzolenti e sverniciatori sull’opera “Chair” nella Giornata internazionale della donna nel 1986.

Sebbene il tempo tenda a guarire tutte le ferite, e da allora il mondo dell’arte ha sicuramente incontrato la sua giusta dose di controversia, forse non sorprende che la serie di mobili di Jones del 1969 abbia continuato a stimolare il dibattito servendo anche come fonte di ispirazione.

I furori hanno fatto poco per danneggiare le vendite o i prezzi in costante aumento.

Roman Polanski ha comprato un pezzo, Elton John ha un set completo così come il playboy degli anni ’60, Gunter Sachs, sposato con Brigitte Bardot, la cui collezione, quando venduta nel 2012, ha raggiunto 2,6 milioni di sterline.

I Beatles erano spesso ospiti a casa sua, così come, pochi anni dopo, lo erano i punk quando Adam Ant e Johnny Rotten.

Ovviamente gli attacchi sono stati molto sconvolgenti“, dice Jones. “E tutto quello che ho detto per cercare di spiegare è risultato come una scusa o una scusa debole.

Sono immagini perfette per una discussione sull’oggettivazione delle donne, e se qualcuno lo pensa, è molto difficile negarlo.

Ma è una lettura casuale e sfortunata che non ha nulla a che fare con il lavoro.

Come artista, ho una responsabilità nei confronti dell’arte. Come essere umano, ho una responsabilità nei confronti della società.

Sono stato educato come socialista e mi considero un femminista e non ho bisogno di difendere la mia posizione politica“.

allen jones_Hatstand, Table and Chair.jpg
Hatstand, Table and Chair – 1970 – Allen Jones

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.