Gli sgabelli Mushroom di Eero Aarnio

Tantissimi designer hanno progettato mobili in rattan e, anche Eero Aarnio alla fine degli anni ’50, si cimentò con questo materiale.

Noto per i suoi iconici mobili in plastica di fine anni ’60, come la Ball Chair e la Bubble Chair, fu attratto dal rattan nel 1954 per mezzo del padre di sua moglie Pirkko, che lavorava come insegnante di artigianato.

Chiese ad Aarnio di provare a tessere un cestino in rattan. Fu così che il giovane designer colse l’occasione per cimentarsi con il nuovo materiale e il nuovo e metodo di produzione.

Il primo esemplare prodotto era poco più di un pezzo sciolto di scarsa qualità che una vetrina di tessitura in rattan, ma gli diede l’opportunità di provare da solo il metodo di produzione.

I vantaggi del rattan sono la leggerezza, la resistenza e la sensazione di calore; sono caratterizzati da un loro aspetto unico, in quanto realizzati manualmente mediante tessitura.

Durante il lavoro, mi sono reso conto di poter realizzare mobili con il materiale. Un cestino invertito mi sembrava già un piccolo sgabello. Aveva semplicemente bisogno di una forma più interessante e di più strutture di supporto all’interno”, ha dichiarato Eero Aarnio.

E così Aarnio iniziò a sviluppare la sua idea. Ha aggiunto archi giocosi e impressionanti alla forma degli sgabelli. Nel 1960 il concept era pronto per la produzione e l’anno successivo gli sgabelli in rattan divennero disponibili per la vendita come parte della collezione Asko.

Il set di sedute è stato battezzato Juttujakkara (Story Stool). Il nome si rivelò tuttavia difficile da tradurre in altre lingue.

Quando è iniziato il marketing internazionale per gli sgabelli, il nome è stato cambiato in Mushroom, nome attualmente in uso per la serie di sgabelli.

In Finlandia, gli sgabelli furono presentati per la prima volta al pubblico nel 1961 nello spazio espositivo di Asko a Helsinki insieme agli altri nuovi mobili di Aarnio, attirando immediatamente l’interesse.

Il giornalista di Helsingin Sanomat Annikki Toikka-Karvonen, che ha visitato la mostra, ha descritto gli sgabelli come una “sorpresa” e ha pensato che il design di Aarnio corrispondesse ad idee veramente originali come non se ne vedevano da diverso tempo.

Toikka-Karvonen ha predetto un futuro luminoso per gli sgabelli Mushroom divertenti, casalinghi e comodi, poiché pensava che fossero adatti per una moltitudine di scopi sia all’interno che all’esterno.

Ad un pubblico internazionale gli sgabelli sono stati presentati l’anno seguente alla fiera del mobile di Colonia e sono diventati il ​​primo successo internazionale nella carriera di Eero Aarnio, avendo ottenuto un’importante esposizione su importanti media internazionali.

Gli sgabelli Mushroom dimostrarono che Eero Aarnio sarebbe stato un nome da ricordare, in fatti il giovane designer finlandese ebbe la capacità con questi sgabelli di creare forme giocose, rilassate e attraenti.

Quando Aarnio unì il linguaggio disinvolto del design degli sgabelli Mushroom con plastica e colori brillanti pochi anni dopo, divenne immediatamente noto a tutto il mondo del design: The Ball Chair (1963), Pastil Chair (1967) e Bubble Chair (1968) furono introdotti alla fiera di Colonia alla fine degli anni ’60 e divennero i prodotti più fotografati della mostra, oltre che icone del design.

Poi l’attenzione per questi sgabelli iniziò a scemare e vennero in seguito prodotti esclusivamente su ordinazione e occasionalmente fino a che furono dimenticati.

Negli ultimi anni abbiamo assistito a un vero boom del rattan. Il bellissimo materiale naturale tradizionale è tornato negli interni di casa, potendo essere utilizzato nei progetti di aree interne ma anche nei balconi e terrazze coperte.

Ed è così che nell’autunno del 2019, tornarono in produzione gli sgabelli Mushroom: Eero Aarnio Originals, che ora ha diritti esclusivi sui mobili classici di Aarnio, iniziò a fabbricarli con il nome di Rattan Collection.

Ancora una volta i mobili in rattan di Eero Aarnio sono estremamente attuali in termini di materiale, linguaggio del design e flessibilità.

La gente oggi vive in spazi piuttosto angusti, e nelle case c’è una grande richiesta di mobili che possono essere utilizzati per molteplici scopi.

Lo sgabello Mushroom è un pratico complemento d’arredo proprio perché può fungere da sedile – individualmente o come parte di un gruppo più ampio – e può essere utilizzato anche come tavolino e bancone. Anche il vero rattan naturale ha il suo fascino ”, afferma Eeva Teronen di Eero Aarnio Originals.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.