La poltrona Gender di Patricia Urquiola

Annunci

Il nome della poltrona Gender deriva dalla sua mutevole identità basata su combinazioni cromatiche e materiche in un incontro tra due forme formalmente indipendenti che ne compongono la forma: una è strutturale, flessibile e avvolgente, l’altra con un interno morbido per identificare il posto a sedere.

Una identità versatile scaturita da un’interazione di colori e materiali.

Attraverso l’ampia scelta possibile di colori e materiali, Patricia Urquiola ha voluto far riflettere i clienti sul pregiudizio di genere legato anche al design.

Progettata da Patricia Urquiola nel 2006 per Cassina, la poltrona Gender è vestita a strati, con trame e colori che si incontrano e contrastano per creare un lessico adattabile in relazione al suo ambiente circostante.

La poltrona attraversa liberamente le tradizionali barriere uomo / donna ed è pensata per essere sobria o audace, forte o delicata. Giocare con la sua identità è lasciato all’utente finale e spesso dipende dalla relazione con la sua impostazione.

La poltrona Gender rappresenta l’innovazione di Cassina nella ricerca della sartoria di qualità con la costruzione di un abito complesso e sofisticato che si adatta a una struttura in schiuma poliuretanica con schienale flessibile.

L’interno morbido imbottito della poltrona dialoga in contrasto con l’esterno, che è tracciato con un profilo in pelle colorata.

Lo schienale alto e avvolgente, abbraccia il corpo e diventa ancora più confortevole grazie al movimento di 12° che si inclina e balza in posizione.

Due “slip-on” in pelle nera o pelle iridescente coprono la base di Gender per completare il suo look.

La poltrona è disponibile in cinque combinazioni di colore.

È disponibile anche un pouf con le stesse combinazioni ma con una costruzione diversa, ad esempio la pelle viene utilizzata per proteggere l’area del poggiapiedi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.