La libreria Robox di Fabio Novembre

Robox è una libreria bi-facciale (può separare anche visivamente due zone funzionali distinte) ideata dal designer Fabio Novembre per Horm.

Ricorda, non troppo lontanamente le sembianze di un robot dalle proporzioni umane (condivide con il designer la stessa altezza).

Non si deve pensare che questa libreria sia collocabile esclusivamente nella stanza dei bambini, in quanto può essere tranquillamente collocata, data la sua versatilità, in ufficio o nel living.

Realizzata in metallo autoportante tinteggiato in tre diverse tonalità, consta di decine scaffali su diversi livelli, (assemblaggio asimmetrico), una successione di spazi stretti e ritmici, di diverse dimensioni disposti in modo casuale e uniti tra loro per formare la figura di un robot.

Al centro della figura, un cubo rosso simbolo del cuore di questo robot che non lascia indifferenti attirando l’attenzione suscitando emozioni in chi lo osserva.

Una sorta di supereroe casalingo dove riporre, libri, cd, dvd dal garnde fascino quanto è vuoto ma altrettanto emozionante quando è riempito.

Un lontano ricordo d’infanzia, un desiderio recondito che diventa realtà, un “nuovo eroe domestico“, che proteggere i nostri ricordi e memorie.

Una libreria antropomorfa che per questo anima lo spazio che occupa, con il suo cuore rosso vivo…

Forse un giorno qualcuno dirà che Robox rappresenta il mio periodo cubista o che la soluzione all’avanguardia era il trucco per scoprire la strada giusta dopo l’iperbole e la parabola del mio lavoro.

Da Mazinger a Transformers, i ragazzi della mia generazione avevano sempre un robot dalla loro parte e stavo cercando un nuovo ruolo che potesse giustificare la loro presenza accanto al mio tavolo.

Il semplice cambio di consonante rivela l’atteggiamento inclusivo di questo nuovo eroe domestico: un dispositivo con un cuore, un disco rigido pre-digitale in cui sono memorizzati i nostri ricordi.” Fabio Novembre.

Annunci

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.