La sedia Tonietta di Enzo Mari

Tonietta è una sedia diventata classica e senza tempo. Sempre a catalogo da quando è stata immessa nel mercato, ha saputo sempre più conquistare i favori del pubblico.

Un vero e proprio must have e cult di Zanotta, è stata disegnata da Enzo Mariche realizza con questo progetto premiato con il Compasso d’Oro, un perfetto connubio tra forma e funzione, creando un nuovo archetipo di sedia dalle forme essenziali ma cariche di memoria.

Il progetto, nato da una stretta e fertile collaborazione tra azienda e designer, è iniziato nel 1981, e terminerà quattro anni dopo nel 1985 in seguito ad una intensa ricerca ingegneristica resasi necessaria per poter utilizzare una tecnologia, quella della pressofusione dell’alluminio, costosa e fino ad allora poco sperimentata per la realizzazione della struttura.

Esile e molto elegante risulta essere comoda e resistente nonché adatta ad ogni uso: per il tavolo da pranzo, il lavoro e il relax.

Funzionale in ogni dettaglio, dalla sezione inarcata delle gambe che accompagna la flessione sotto sforzo al piedino che si ingrossa per migliorare l’appoggio a terra.

La seduta è rotonda e, questa forma si accompagna alla spalliera semisferica.

La struttura è in lega d’alluminio lucidato, il sedile e lo schienale sono in nylon stampato a iniezione oppure rivestito in cuoio per una versione più elegante.

Tonietta è disponibile in nero, in bianco oppure in color alluminio.

Ero particolarmente insofferente verso la moda che voleva oggetti, e fra questi anche le sedie, sovraccarichi di arroganze progettuali di natura tecnologica o tipologica: volevo disegnare una sedia il più semplice possibile, quasi ovvia, non un oggetto diverso a ogni costo, e dopo un’attenta analisi ho visto che fra le sedie moderne le Thonet sono quelle che meglio incarnano l’idea di immagine archetipica, e così per definire il carattere della mia sedia ho scelto di dialogare con questo unico esempio di oggetto alto-borghese, carico di valenze semantiche e simboliche”.

Nel 1987 la sedia Tonietta vince il prestigioso Premio Compasso d’Oro (strameritato, per un capolavoro di eleganza formate e perfezione costruttiva), con questa motivazione della giuria: “Per la grande lezione di stile e di cultura espressa nella realizzazione di questa sedia, con l’intenzione di richiamare alla memoria un archetipo, senza imitarne banalmente gli elementi morfologici.

Annunci

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.