Lo sgabello Remida di Fortunato Depero

Fortunato Depero, talento effervescente e creatività esplosiva, esprimeva queste qualità nella bottega Casa d’Arte Futurista a Rovereto (oggi sede del Mart), un laboratorio atelier dove il nostro Remida progettava e realizzava, aiutato dalla moglie Rosetta e da poche collaboratrici, mobili e giocattoli, quadri e arazzi, abiti e manifesti pubblicitari e altro ancora.

Depero crea arazzi, inventa manifesti pubblicitari, disegna le bottigliette del Campari, firma le copertine di riviste internazionali quali Vanity Fair e Vogue.

Fu anche stilista e, i “panciotti” che realizzò fra il 1923 e 1924 attirarono l’attenzione per i colori sgargianti e i disegni fantasiosi

Noi futuristi vogliamo realizzare questa fusione totale per ricostruire l’universo rallegrandolo”: così Fortunato Depero e Giacomo Balla scrivevano nel loro manifesto del 1915, “Ricostruzione futurista dell’universo”, in cui esprimevano i concetti base del loro astrattismo futurista.

Depero, più di 100 anni fa, era già un designer di oggi.

Era il 1922, ma sembra sia stato creato oggi, e invece è passato quasi un secolo: Zanotta celebra il futurista Fortunato Depero, con questo sgabello in acero bianco e seduta in cuoio incassato.

Uno sgabello che nasce da un disegno originale di Depero, con la seduta in cuoio dai colori verde, giallo, blu, rosa e rosso.

Azione, comunicazione evocativa e sensibilizzazione provocatoria sono i dogmi di Depero, che si ritrovano anche in questo sgabello, messo in produzione da Zanotta, raccogliendo la sfida di riporporre un oggetto che ha più di cenro anni di storia.

Annunci

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.