Il divano Serpentone di Cini Boeri

Serpentone è un divano prototipo mai entrato in produzione, progettato da Cini Boeri per Arflex nel 1971.

Nelle intenzioni doveva essere un divano infinito, un divano continuo da vendere a metro senza il bisogno di essere rivestito, una idea sicuramente rivoluzionaria.

Serpentone è costituito da accostamento per incollaggio di moduli di schiuma poliuretanica da 37 cm stampati ad iniezione con sezione lamellare che permettono la flessibilità in curve concave e convesse.

Un divano flessibile prodotto in stampo per iniezione di schiume poliuretaniche di densità 100, con pellicola superficiale di media resistenza, ottenuta durante lo stampaggio stesso: l’accostamento di moduli dà luogo a lunghezze infinite.

In conclusione, Cini Boeri è un designer d’interni innovativo e ha rivoluzionato le strutture dei divani, lasciando illimitate possibilità di forme continue.

La sua collaborazione con Arflex ha giovato a entrambe le parti, con il raggiungimento di mobili rivoluzionari, ottenendo persino il riconoscimento mondiale per i suoi progetti.

«Nelle mie intenzioni non era da possedere, ma da usare. Ed era economicissimo.

Più recentemente sono venuti i tavoli da appendere al muro e da usare quando ce n’è bisogno. E poi i mobili su ruote, che si spostano e servono da pareti».

Serpentone non era uno scherzo. Dietro c’era tutta una ricerca tecnologica fatta dall’Arflex con la Bayer. Oggi è cambiato tutto, gli industriali ti dicono: “Si vende molto bene una cosa così, me la faccia simile””

serpentone_Cini Boeri.jpg
Il divano Serpentone di Cini Boeri per Arflex
Serpentone_archivio-Arflex-e1508432132922.jpg
Il divano Serpentone di Cini Boeri per Arflex

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.