La poltrona Nastro di Joe Colombo

La poltrona Nastro è realizzata con bastoni di malacca curvati e giuntati tra loro, in modo da creare una struttura a curve morbide senza soluzioni di continuità, integrata con cuscini in pelle imbottiti sul sedile e sullo schienale.

Questo progetto costituisce un momento particolare nella progettazione di Joe Colombo: il bambù, il giunco o rattan e la canna d’India avevano suscitato, fin dal primo dopoguerra, l’interesse e l’impegno di molti produttori della Brianza, prima fra tutti Pierantonio Bonacina, che si rivolge ai grandi designer degli anni Cinquanta e Sessanta per l’affermazione dei mobili di vimini e giunco.

Per Joe Colombo non è stata quindi, come in altre occasioni, la curiosità versa nuovi materiali e realizzazioni futuribili a stimolare la sua fantasia, ma è stata piuttosto una sorta di sfida nel cimentare la sua creatività e versatilità in un ambito più tradizionale, sperimentando i limiti di curvatura del materiale e accostandone gli elementi per assimilarlo a una superficie piana, cosa che ha differenziato la poltrona da tutte le altre e ne ha determinato il successo anche nella versione divano.

La poltrona è a catalogo Bonacina 1889, sin dal 1964 anno della sua ideazione; tecnicame te come già ricordato, ha la struttura caratterizzata da bastoni di rattan curvati a mano con curve differenziate è disponibile in colore naturale o tinta in tredici colorazioni.

Il piano di seduta è in legno. I cuscini sono in espanso a densità differenziata e fibra di poliestere con rivestimento sfoderabile.

E’ stata pubblicata per la prima volta nel 1965 su “Domus” n. 427.

il divano nastro di joe colombo.jpg
La poltrona Nastro di Joe Colombo per Bonacina 1889

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.