La sedia Trattoria di Jasper Morrison

Fedele al concetto di redesign come valido antidoto alla ricerca dell’innovazione formale a tutti i costi Jasper Morrison progetta questa seduta nel 2009 per Magis, delegando al dettaglio la capacità di dare vita a un oggetto visibilmente nuovo ma cosciente della tradizione.

La sedia infatti richiama i suoi riferimenti dalle classiche sedie in legno, con sedili e schienali intrecciati che si trovano spesso nelle numerose trattorie, da cui deriva anche il suo nome.

Una struttura in massello di faggio naturale a sezione circolare viene accompagnata a schienale e sedile in policarbonato traslucido in diverse tonalità di colore, producendo una rivisitazione della sedia “da trattoria” quasi in chiave Pop.

Impossibile non ricordare la seduta disegnata nel 1960 per il circolo del golf di Carimate da Vico Magistretti, nella cui opera si possono riscontrare non pochi punti di contatto con quella del designer inglese.

Nella sedia da Trattoria, come nella Carimate, convivono infatti l’attenzione per gli oggetti della tradizione popolare, quello che Vanni Pasca ha definito “uno spirito di voluta modestia tipico del design nordico” e la ricerca di un linguaggio comunque contemporaneo, che anche l’architetto milanese riuscì a infondere ricorrendo al colore: per la sua sedia utilizzò infatti una tinteggiatura all’anilina rossa, a quei tempi adoperata per i giocattoli.

 

trattoria-296.jpg
La sedia Trattoria di Jasper Morrison per Magis
Annunci

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.