La poltrona F51 di Walter Gropius

Erano i ruggenti anni Venti e c’era qualcosa nell’aria: “Sfidare la gravità e superare l’inerzia della terra, nell’impressione e nell’apparenza” era lo scopo del fondatore del Bauhaus, Walter Gropius.

Con il design cubico a sbalzo, i braccioli che sporgevano liberamente, lo schienale che non toccava terra,  e queste parole profetiche un nuovo capitolo di sedute moderne stava per avere inizio: era il 1923!.

La poltrona F51, un pezzo che ha abbracciato la visione di Lissitzky ed è stato considerato un’innovazione ed una rivoluzione.

Ma facciamo un passo indietro.

La poltrona F51, è stata progettata nel 1923 da Walter Gropius per il suo ufficio Great Bauhaus Exhibition al Bauhaus di Dessau.

La poltrona di Gropius è famosissima ed è stata oggetto di tantissimi studi da parte di architetti e designer e, spicca in qualsiasi ambiente grazie alla forma audace della sua struttura in legno di frassino o in noce massello o in rovere massello, e la seduta rivestita in tessuto o pelle di vari colori.

L’ufficio di Walter Gropius al Bauhaus di Dessau è considerato la prima composizione spaziale olistica del mondo dell’era moderna.

È stato concepito come uno showroom di uno studio ideale, che ospita una zona salotto e un’area di lavoro con una sedia e una scrivania.

Nella stanza rigorosamente cubista di 5 x 5 x 5 ml, un cubo aggiuntivo è stato definito come una “zona tranquilla” e contrassegnato da un tappeto quadrato, nonché una disposizione attentamente studiata degli elementi di arredo, i quali seguono il design cubico e sono caratterizzati da angoli retti.

In termini di altezza, questa stanza all’interno della stanza era delimitata da lampade a festone.

Trascurato per molti decenni, l’ufficio del direttore è stato ricostruito dall’Università Bauhaus nel corso della ristrutturazione dell’edificio principale nel 1997 e allestito come spazio di lavoro utilizzabile.

Per questo Ufficio che è anche una sorta di Manifesto, Walter Gropius progettò una serie di oggetti formali.

I disegni degli oggetti seguivano rigorosi principi geometrici: linee e strisce, cubi e quadrati. Come archetipo del mobile cubico e precursore della moderna sedia a sbalzo, la poltrona F51 era uno degli elementi chiave del design di questo ufficio.

Il design originale combinava voluminosi cuscini con una struttura completamente nuova, con il risultato che la sedia sembra un cubo nel quale è stato tagliato un sedile. Solo a una seconda vista più attenta si rileva che la poltrona è stata assemblata da diversi blocchi rettangolari di diverse dimensioni.

La poltrona compatta non ha la gamba posteriore, quindi la sua parte posteriore non tocca il suolo. La struttura in legno che forma il braccio a sbalzo portante è una caratteristica particolare della sedia.

I volumi e la linearità del disegno richiamano i progetti architettonici di Gropius, e in particolare il condominio che ha chiamato “Baukasten im Grossen“.

La struttura segna un passo importante: i braccioli sono a sbalzo e lo schienale non tocca il pavimento. Questa struttura in legno “a sbalzo” prefigura le creazioni di Marcel Breuer nel 1925.

Nonostante la sua compattezza e solidità, il supporto a braccio a sbalzo conferisce a questo mobile di design un aspetto quasi fluttuante.

Oltre a due poltrone, l’area salotto dell’ufficio del direttore comprende anche un divano, il cui originale era rivestito con un tessuto ruvido e giallo.

Nella sua fedele riproduzione, Tecta ha reinventato l’icona della Scuola Bauhaus in colori intensi.

Questa poltrona, originariamente in colori tenui, è ora disponibile in 141 tonalità, dal verde smeraldo brillante, fucsia o azzurro a eleganti sfumature di grigio, tonalità di cremisi o prugna e note di inchiostro.

Ci sono anche sette scelte di tappezzeria, che vanno dal velluto di cotone vellutato alla pura lana, alla pelle o alla saia di cavalleria.

tecta-f51-gropius-ambiente-05_zoom.jpg
La poltrona F51 di Walter Gropius per Tecta

1 Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.