Il tavolino K10 di Erich Brendel

Annunci

Erich Brendel e Marcel Breuer sono due dei trentuno apprendisti che lavorano nel laboratorio di falegnameria del Bauhaus di Weimar negli anni Venti.

Entrambi supereranno gli esami finali e grazie al suo grande talento, Erich Brendel è stato uno dei pochi autorizzati a lavorare nello studio di architettura di Walter Gropius.

Nel 1924, progettò il tavolo da tè K10, pieghevole. Un tavolo che riesce a catturare l’attenzione sia da chiuso che da aperto.

Da chiuso è un cubo discreto quanto il suo creatore, da aperto forma una croce svizzera e richiama le austere linee della sala regia di Walter Gropius, che è servita anche come fonte d’ispirazione al tavolo.

Erich Brendel lo chiamò modestamente un “tavolo da tè“, Il design è pulito e chiaro come il Bauhaus; questo tavolino incarna la riduzione, la funzionalità, ma anche il gioco e l’umorismo.

L’originale è stato a lungo di proprietà privata di Karla Luz-Ruland, designer del Bauhaus.

Dal 1968, il Museum of Modern Art di New York ha cercato invano di acquisire questo prototipo. Nel 1982, dopo anni di contatti personali, Luz-Ruland lasciò in eredità il tavolo da tè a Tecta, che lo ha esposto oggi al Kragstuhlmuseum di Lauenförde come parte della sua collezione.

Il modo di pensare formale e costruttivo di Erich Brendel è dimostrato non solo dal suo lavoro come docente di ingegneria strutturale a Francoforte sul Meno dal 1948 al 1963, ma soprattutto in questo tavolino.

Un cubo mobile che può essere spiegato su quattro lati come un fiore e ingrandito da un piccolo tavolo da tè a un tavolo da pranzo.

Tra il 1978 e il 1981 Tecta ha lavorato intensamente con Erich Brendel per una riproduzione fedele del tavolo designato come M10 a Lauenförde e, su richiesta di Brendel, per produrre una versione più piccola (il 15% più piccola).

Il tavolo da tè Bauhaus K10 è stato rivoluzionario per il suo tempo e ha influenzato un numero enorme di tavoli salvaspazio sin dal suo inizio negli anni ’20.

Il tavolino K10 di Erich Brendel per Tecta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.