La sedia D40 di Marcel Breuer

La sedia D40 disegnata da Marcel Breuer per Tecta è una riproduzione del progetto originale del 1928. E’ un classico arredamento bauhaus  e, fino ad oggi la sedia non ha perso nulla della sua bellezza e qualità.

Tra tutti i design iconici di Marcel Breuer, la D40 del 1928 occupa un posto speciale. Puoi tracciare i suoi contorni con gli occhi chiusi. Un’elegante curva a S che descrive una leggera diagonale nel terzo superiore: lo schienale. Un’esperienza dinamica che emana calma. Perché ogni curva del tubo di acciaio è finemente bilanciata. Arco-curva-controcurva: una costruzione che concilia armoniosamente tutti i contrasti.

Ciò è stato possibile grazie all’acciaio tubolare piegato, una tecnologia che ha rivoluzionato il design del mobile; e lo ha reso più leggero che mai.

Marcel Breuer scrisse nel 1924: “Una sedia…non dovrebbe essere orizzontale / verticale, né dovrebbe essere espressionista, né costruttivista”, dovrebbe essere una buona sedia, quindi abbinerà un buon tavolo“.

Naturalmente, la prima cosa che associamo al maestro Bauhaus Marcel Breuer è un materiale: l’acciaio tubolare e un principio: la sedia a sbalzo, che ha acceso il design moderno del mobile.

Il genere umano è stato liberato dalle corde della seduta rigida per godersi la libertà del sedile flottante. La sedia a sbalzo era un simbolo del suo tempo.” Ma questo non rende giustizia a Marcel Breuer (1902-1981). Ciò che ha veramente perseguito è stata la ricerca sull’essenza degli oggetti: cosa dovrebbe fare, cosa può fare oggi un mobile moderno, era la domanda del Bauhaus.

E pensare che tutto partì da un giro in bicicletta:

Il mio pensiero spontaneo, durante un giro in bici, di trasformare il mio manubrio in una costruzione per mobili, si è inaspettatamente diffuso in tutto il mondo.

Nel 1937, Marcel Breuer ricorda l’intuizione che lo portò dal 1924 allo sviluppo di mobili con struttura tubolare. Forse il contributo più influente dalla Germania per l’arredamento moderno nella prima metà del XX secolo.

I mobili con struttura tubolare rivestiti in tessuto offrono il comfort di un buon mobile imbottito senza il loro peso, prezzo, ingestibilità e proprietà antigieniche.

Ma le persone volevano sapere esattamente cos’è una buona sedia. Perché una cosa era certa: Breuer non era disposto a scendere a compromessi. Quindi, la lavorazione doveva anche essere della migliore qualità. I cinturini in tessuto sono stati creati appositamente nella bottega di tessitura di Grete Reichert in più fili di cotone ritorto trattati con paraffina per una migliore stabilità e resistenza allo sporco e noto come “eisengarn” (filo di ferro). Ancora oggi, le cinghie del sedile e dello schienale sono realizzate in un materiale particolarmente resistente.

Il leggero telaio a sbalzo in acciaio filigranato e i braccioli della poltrona D40 sono realizzati in acciaio nichelato. I braccioli sono dotati di comodi cuscinetti in faggio. sedile e schienale sono rivestiti in filato di ferro, tessuto o pelle o in canna naturale Tecta.

D40_05.jpg
La sedia D40 di Marcel Breuer per Tecta
Annunci

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.