La poltrona Chieftain di Finn Juhl

L’iconica Chieftain Chair è uno dei capolavori assoluti di Finn Juhl, che rappresenta l’apice della sua carriera di designer di mobili.

Alla sua introduzione nel 1949, la sedia segnò un rinnovamento della tradizione del design del mobile danese.

Oggi è percepito come uno dei più importanti esponenti del movimento moderno danese negli Stati Uniti negli anni ’50; è per questo motivo, Finn Juhl è spesso considerato il padre di Danish Modern.

Ispirata all’arte moderna, la sedia Chieftain con le sue forme organiche si è liberata dal tradizionale design danese dell’arredamento e dal rigoroso funzionalismo sia nella forma che nella costruzione e nei materiali.

Nel 2012, la Chieftain Chair ha vinto il Danish Design Award, Classic. La giuria ha dichiarato nella sua motivazione: “Oggi la sedia Chieftain si ispira a una nuova generazione di designer di mobili e dimostra che l’attenzione alla qualità, al calibro internazionale e alla volontà di abbandonare la tradizione possono spianare la strada per fare la differenza come designer“.

La sedia e lo sgabello Chieftain sono realizzati in teak o noce e sono rivestiti in pelle.

La forma di questa seduta evidenzia la volontà di separare il sedile dallo schienale delineando plasticamente il telaio di legno; il risultato è straordinariamente molto elegante e signorile.

Caratterizzata da una cornice in teak e noce e un pregiato rivestimento in pelle la Chifetan chair, è una seduta scultorea ispirata alle armi primitive o ancor meglio, influenzata dall’arte tribale africana.

Finn Juhl creò la sedia per la Cabinetmakers Guild a Copenaghen nel 1949. Durante la mostra, Re Federico IX, si sedette sulla sedia, il fatto ispirò un giornalista a suggerire di chiamare la sedia “King’s Chair” Ma a Juhl non piaceva, suonava come pretenzioso e disse: “Faresti meglio a chiamarla chieftain’s chair“.

La sedia è probabilmente il pezzo più conosciuto di tutte le sedie di Finn Juhl; è un design potente, che non solo domina in termini di dimensioni e stravaganza, ma ha anche bisogno di molto spazio intorno a sé per rendersi giustizia.

Finn Juhl ha dichiarato:

Ho iniziato a disegnare il Chieftain Chair un giorno nella primavera del 1949. Ero a casa e ho iniziato a disegnare un piccolo schizzo intorno alle 10:00 con solo quattro linee verticali collegate a qualcosa. Alle due o tre del mattino l’avevo dipinto. Ma in realtà, non so quanto mi ci sia voluto per progettare questa sedia. Forse ho avuto una vaga idea per qualche tempo che volevo progettare qualcosa di più grande. C’erano così tante sedie piccole e maneggevoli, quindi probabilmente mi sono sentito come se progettasse qualcosa di un po ‘più pomposo …

Questa seduta è stata prodotta da vari ebanisti danesi nel corso degli anni, in particolare durante un breve periodo nel 1950, la Baker Furniture negli Stati Uniti  acquistò i diritti di questo progetto di cui realizzo pezzi in tiratura limitata.

Oggi l’originale autentica Chieftain Chair è prodotta con licenza completa da onecollection, House of Finn Juhl.

 

Baker Sofa, Chieftain Chair_0.jpg
La poltrona Chieftain di Finn Juhl per Onecollection House of Finn Juhl
Annunci

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.