La poltrona Portrait of My Mother’s Chesterfield Chair di Gunnar Aagaard Andersen

Annunci

Portrait My Mother’s Chesterfield di Gunnar Aagaard Andersen è un lavoro rivoluzionario che sfida la semplice classificazione.

Innovazione della forma e della tecnologia, la sedia di Andersen esplora nuovi materiali e sfida le idee preconcette sul design.

Come suggerisce il titolo, il lavoro è una reinterpretazione della classica poltrona da club o poltrona per fumatori.

Realizzato in poliuretano espanso, versato a mano a strati dall’artista producendo una fluida espressione visiva con possibilità di giocare un ruolo importante nel determinare la forma.

Sebbene sia interamente funzionale e confortevole, l’aspetto della sedia e il suo metodo di creazione non favoriscono la produzione di massa.

Denominata “La sedia anti-arte” o “Anti-oggetto” da Arthur Drexler, ex direttore del Museum of Modern Art di New York, la sedia d’avanguardia di Andersen è storicamente significativa nel modernismo del primo Novecento del dopoguerra.

La forma astratta della sedia è più simile alla scultura e all’arte concettuale e può essere posta in prima linea nel movimento Pop Art accanto alle sculture a forma morbida di Claes Oldenburg.

Inoltre, precede il movimento radicale italiano così come il lavoro di Gaetano Pesce con materiali non convenzionali.

Sfocando la distinzione tra arte, scultura, arredamento e design, Andersen ha aperto la strada a nuove libertà espressive con Portrait of My Mother’s Chesterfield.

Della poltrona, ne sono state prodotte pochi esemplari, molti risiedono in importanti collezioni museali tra cui lo Stedelijk Museum di Amsterdam, il Montreal Museum of Decorative Art e il Museum of Modern Art di Tel Aviv.

Il Museum of Modern Art di New York ne ha commissionato un esemplare nel 1966 per la loro collezione permanente e la loro poltrona è stata esposta in numerose mostre e pubblicazioni museali.

La poltrona Portrait of My Mother’s Chesterfield Chair di Gunnar Aagaard Andersen

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.