Il sistema di sedute Malitte di Roberto Matta

Roberto Sebastian Matta (1911-2002), che inizialmente ha studiato architettura nella sua città natale, Santiago, è meglio conosciuto come espressionista astratto e pittore surrealista. Dopo aver completato gli studi e trasferirsi a Parigi, ha lavorato brevemente nello studio del famoso architetto Le Corbusier.

I suoi interessi si spostarono presto verso la pittura e si unì ai circoli di Salvador Dalì, André Breton e René Magritte.

Successivamente Matta incontrò Dino Gavina, che invitò il pittore a progettare un mobile per Gavina SpA.

Il risultato è Malitte Lounge (1966) una collezione giocosa di forme in poliuretano che potevano essere impilate in un “muro” o utilizzate come pezzi da salotto individuali. Maliutte rimase in produzione per Gavina dal 1966 al 1968.

Quando Knoll acquisì Gavina due anni dopo, la Malitte Lounge fu uno dei progetti scelti per la linea Knoll, e rimase in produzione dal 1970 al 1974. La Malitte Lounge si trova nella collezione di The Museum of Modern Art.

Questa colorata collezione di forme in poliuretano espanso può essere impilata in una parete rettangolare o utilizzata come singoli pezzi di sedute. Il concetto di design è giocoso e flessibile.

Le sue forme organiche intrecciate riflettono la formazione di Matta come architetto nel suo nativo Cile e la sua pratica pittorica surrealista, che si è sviluppata dopo il suo trasferimento a Parigi.

Questa iconica disposizione dei posti a sedere ha infinite possibilità ed è composta da una panca a due posti tre sedie e un pouf. Quando non è in uso, può raddoppiare come un muro scultoreo.

 

425-detail-roberto-matta-malitte-sofa-knoll_7.jpg
Il sistema di sedute Malitte di Roberto Matta per Knoll International
Annunci

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.