La poltrona Amoebe di Verner Panton

Amoebe disegnata nel 1970 da Verner Panton è nata nell’ambito dell’esposizione “Visiona II” svoltasi a Colonia, in cui progetta a bordo di una barca un allestimento per la Bayer, la casa produttrice di prodotti cosmetici, farmaceutici e farmacologici.

Di quella straordinaria esposizione non rimane nulla tanto è vero che quando nel 2000 Vitra volle dedicare a Verner Panton una retrospettiva, potè esporre solo una riproduzione della leggendaria esposizione, grazie a documenti d’archivio come foto e brevi video, in cui si notano stanze immerse in un turbinio di luce cromatica, che invitano a rilassarsi.

Amoebe è una seduta che può essere utilizzata da sola o in multipli a formare un divano di “n” elementi e ne esistono due versioni: la classica e l’Amoebe highback.

In quest’ultima versione,  lo schienale flessibile si prolunga con forme scultoree fino all’altezza del capo, creando una struttura a baldacchino, regalando un senso di intimità e creando un luogo appartato, specialmente in ambienti pubblici e di grandi dimensioni.

La struttura rigida interna del modello iniziale, fatta di acciaio tubolare, è stato sostituito da Vitra, utilizzando un guscio posteriore laminato, aumentando conseguentemente la flessibilità dello schienale e notevolmente aumentando la comodità della sedia.

Incarna lo spirito allegro e impertinente degli anni ’70, ed è un esempio riuscito di elemento da soggiorno, grazie alla sua forma ispirata al protozoo, che abbraccia in modo ergonomico il corpo.

La serie di sedute Amoebe Vitra restano tutt’ora fra i pezzi più rappresentativi realizzati da Verner Panton ed è a catalogo con una selezione di cover in una gamma di colori vivaci.

16779016.jpg
La poltrona Amoebe di Verner Panton (versione highback) per Vitra

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.