La sedia Central Museum di Richard Hutten

Richard Hutten (1967) si è laureato presso la Design Academy di Eindhoven nel 1991. Il suo progetto presentato per sostenere l’esame di progettazione è stato “Table Concept” che gli è valso il riconoscimento internazionale.

Il concetto consisteva in diversi tavoli, di base nella forma e di dimensioni variabili, che li rendevano adatti a una varietà di funzioni. Il concetto era innovativo e segnò l’inizio della carriera di Richard Hutten.

Hutten è affascinato dai metodi tradizionali di artigianato che possono adattarsi a tecniche innovative. I suoi oggetti sono esposti permanentemente in prestigiosi musei, tra cui il Central Museum di Utrecht, il Stedelijk Museum for Modern Art di Amsterdam e il San Francisco Modern Art Museum. Richard Hutten è uno dei maggiori esponenti di Droog Design, con cui è stato coinvolto sin dal suo inizio nel 1993.

Nel 1998, progetta per Droog Design la sedia Central Museum Chair.

Questa sedia porta il nome del Central Museum di Utrecht, per il cui ristorante è stata progettata. Richard Hutten si è lasciato guidare dalla storia del museo, situato in un antico convento (un ex chiostro medievale), e intendeva realizzare una sedia da monastero per il XXI secolo. Il modello su cui si è basato è la sua sedia per bambini Bronto del 1997.

Per la cerimonia civile del matrimonio reale nel 2002 di Sua Altezza Reale King Willem Alexander e di HRM Queen Maxima nel Beurs van Berlage di Amsterdam, è stata realizzata una versione speciale della sedia del Central Museum.

La sedia è stata utilizzata per 500 ospiti speciali provenienti da tutto il mondo, come il principe del Galles britannico, il segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan e l’ex presidente sudafricano Nelson Mandela, re di Svezia, Norvegia e Belgio e la regina di Danimarca.

Apparentemente pesante, la sedia è invece leggera per merito di una costruzione cava e l’uso di polietilene.

richard-hutten-cm-chair_j1m.jpg
La sedia Central Museum di Richard Hutten per Droog Design




Annunci

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.