La serie di sedute Stuhlhockerbank di Yvonne Fehling & Jennie Peiz

Mentre il vecchio e il tradizionale servono da base per il nuovo e l’innovativo, queste strutture conversazionali altamente invitanti e gioiose fondono l’intimo con il pubblico, lo storico con l’arte e il design contemporaneo e l’ordinato con il casuale.

Max Borka, Stuhlhockerbank. Nullpunkt. Nieuwe German Gestaltung, MARTA Herford, 2009.

Stuhlhockerbank di Yvonne Fehling & Jennie Peiz è una serie di sedute per spazi pubblici che avvicinano gli utenti e gli spettatori in modo straordinario. Le linee divisorie tra i diversi tipi di mobili (sedia, sgabello, panca) vengono eliminate quando i tre tipi si fondono. I risultati sono costellazioni immobili che esprimono la posizione interiore di una persona nella particolare situazione.

Oltre alla pura finalità di un mobile, gli oggetti sono dotati di elementi narrativi. Sembrano familiari e allo stesso tempo sorprendenti, esaltati da una dimensione sensuale e poetica.

La forma insolita della panca fa pensare in un altro modo a come sedersi in uno spazio pubblico. L’oggetto sembra familiare e allo stesso tempo sorprendente, esaltato da una dimensione sensuale e poetica. Ti dà la possibilità di creare un altro collegamento con lo spazio pubblico ma anche con le persone che ti circondano. Hai intenzione di sederti di fronte a qualcuno o stai voltando le spalle ad un’altra persona?

Di recente è stato commissionato all’architetto Daniel Schöning di Amburgo, l’intero arredamento per gli interni della Elbphilharmonie Concert Hall di Herzog & de Meuron.

Daniel Schöning si è avvalso dell’aiuto dei designer Eva Marguerre e Marcel Besau, che hanno scelto una panca Stuhlhockerbank di Kraud per l’area della reception.

Stuhlhockerbank è a catalogo Kraud, il prezzo su richiesta.

Kraud_SHB1-1200x1800.jpg

Kraud_SHB_Arp6-1200x1800.jpg

Kraud_SHB_Model15.jpg




 

Annunci