La ghirlanda Wednesday di Tord Boontje

Talvolta accade che un’idea tra le più apparentemente semplici e banali sia in grado di cambiare radicalmente il modo col quale pensiamo a un oggetto di tutti i giorni. La ghirlanda Wednesday di Tord Boontje appartiene proprio a questa categoria: l’umile paralume è sempre stato uno degli oggetti preferiti dei nuovi designer per affermare il loro marchio e molti hanno pertanto cercato di crearne di nuovi e di molto innovativi. La ghirlanda Wednesday, tuttavia, è eccezionale da questo punto di vista e trasforma il paralume in un autentico capolavoro, in quanto non tanto attenua la luce ma la riveste e la adorna.

Nato a Enschede, nei Paesi Bassi, dopo gli studi di design industriale all’Accademia di Design di Eindhoven Boontje si trasferì a Londra, dove nel 1992 cominciò gli studi al Royal College of Art, e dove ritornò nel 2002 in qualità di tutor per il design. Il suo stile è stato definito tecnoromanticismo: ispirandosi direttamente alla ricchezza e alla sensualità dei design prodotti a livello artigianale nei secoli precedenti, egli usa la tecnologia informatica per produrre intricate opere con materiali moderni che si rivelano oltretutto adatti a una produzione in serie per il mercato di massa.

L’influenza della natura, in particolare il modo in cui gli alberi filtrano la luce in una foresta, è più che evidente in tutto il suo lavoro, come lo è il suo amore per la moda e la sua ammirazione nei confronti di stilisti quali Martin Margiela. Dopo un’esperienza con Alexander McQueen, e avendo ammesso di essere letteralmente affascinato dai ricami del XVII secolo, non stupisce che una qualità quasi sartoriale emerga nei suoi bellissimi e misteriosi design. Originariamente conosciuta con il nome di lampada Wednesday, nel 2001 questa creazione venne progettata e originariamente concepita per essere appesa al cavo di una lampadina elettrica e per essere letteralmente drappeggiata intorno a essa.

Alta 150 centimetri, la ghirlanda di fiori in metallo può essere tranquillamente drappeggiata intorno a una nuda lampadina e sistemata come più piace. Inizialmente era stata prodotta in acciaio inossidabile, ma poi quando è stata messa in produzione da Habitat nel 2003, e ribattezzata Ghirlanda Wednesday, è stata realizzata in ottone inciso per morsura.

Nonostante il fatto di essere di metallo, la Wednesday conferisce un look morbido e organico e presenta un intricato motivo composto da varie foglie e fiori di grande effetto. Se in precedenza le specifiche di design per prodotti destinati alla produzione in serie avevano sempre sottolineato la necessità di escludere a priori qualsiasi dettaglio superfluo e qualsiasi decorazioni, la ghirlanda Wednesday celebra con successo l’esatto contrario e ribadisce l’idea di Boontje secondo il quale grazie all’odierna tecnologia le aziende moderne sono perfettamente in grado di incorporare dettagli e motivi decorati, in precedenza ritenuti impensabili per oggetti prodotti in serie.

La ghirlanda Wednesday segna un passo avanti e un progresso nel design di prodotti, sfrutta gli sviluppi nel campo dei materiali e della tecnologia informatica per applicarli con grande fantasia ai processi di produzione in serie.

 

Annunci

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.