I tavolini Mono di Konstantin Grcic

«I raccordi sono risolti con una grande chiarezza, grazie a metodi di costruzione elementari e all’impiego dei materiali così come sono forniti dall’industria». Questa descrizione, che accompagnava le immagini di un paio di tavolini in profilato di ferro che ai giunti sostituivano delle semplici curvature, si riferiva a Frate e Cugino, due tavoli disegnati negli anni Settanta da Enzo Mari per Driade.
Konstantin Grcic progettò i suoi tavolini Mono tenendo a mente la semplicità delle
soluzioni che Enzo Mari aveva escogitato per questi e altri design. Tale metodo
rientrava nel più ampio ambito del dibattito legato alla produzione discontinua e alla
scelta di materiali e rifiniture. Grcic dal canto suo non era interessato a raggiungere
forme definitive, ma era alla ricerca di un procedimento che, coniugando i metodi di
produzione discontinua con la semplicità dei materiali e della costruzione, permettesse
di ottenere prodotti di alta qualità a costi contenuti.

SCP, produttore e rivenditore, realizzò alcuni dei primi pezzi delle collezioni di designer oggi affermati, tra cui Grcic. Mentre le sue prime opere per la SCP erano realizzate quasi esclusivamente in legno e si basavano più apertamente su forme archetipiche, i tavolini Mono sono diversi, in quanto rappresentano l’intenzionale allontanamento dal legno a favore dei metalli e sono stati il primo lavoro consapevolmente pensato come parte di
una famiglia di prodotti.

Offrendo solo una vaga indicazione della loro funzione, i tavolini non hanno una sagoma vincolante, e sono il consapevole risultato di un approccio in cui l’estetica della forma non è che il risultato di una scelta di materiali, metodi di produzione e semplicità. I tavolini Mono offrono una serie di superfici utilitaristiche che nascono dalle varie pieghe di lamina di metallo sabbiato monocromatico. Ciascuna delle quattro colonne è unita tramite una semplice saldatura a un ripiano piegato, e resta tesa, come pronta all’uso, il che conferisce ai tavolini un tocco inaspettato che Grcic ancora oggi trova divertente.

Realizzati esclusivamente in grigio opaco, l’unico colore che Grcic era capace di
concepire, i tavolini si prestano a una mobilità casuale e possono essere disposti
in diverse configurazioni, impiegati a più scopi ed essere riposti in diverse parti della
casa, con soddisfazione di chi li usa e del loro designer.

A catalogo SCP, prezzo circa 300,00 euro.

Annunci

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.