La sedia Selene di Vico Magistretti

Magistretti non fu il primo designer a cercare di realizzare una sedia di plastica stampata in un unico pezzo. La sedia Selene è tuttavia una delle espressioni più eleganti di quel particolare paradigma di design, e la chiave del suo successo risiede non nell’aver resistito al materiale di cui è composta, ma nell’averlo sfruttato, e nella tecnologia impiegata.

Negli anni Sessanta, quando incominciò a sperimentare con vari tipi di plastiche, Magistretti era già un architetto e un designer di mobili, sistemi di illuminazione e altri prodotti, dalla considerevole esperienza. Nel decennio che aveva preceduto la realizzazione di questo design erano stati compiuti grandi progressi nel campo della tecnologia applicata alla plastica, e la produzione in serie poteva a quel punto avvalersi di una grande quantità di materiali sintetici inediti. La Selene è realizzata in poliestere stampato a iniezione e rinforzato con fibra di vetro. Il produttore era Artemide, un’azienda tecnologicamente all’avanguardia, che propose il materiale a Magistretti.

Le sedie stampate in un pezzo unico offrono enormi vantaggi a chi le realizza, perché la loro produzione è notevolmente veloce rispetto alle sedie basate su tecniche tradizionali, anche se si rivelano molto complesse dal punto di vista tecnico e gli apparecchi e macchinari necessari alla loro fabbricazione sono particolarmente costosi. Il rischio per il produttore è quindi molto elevato qualora la sedia si riveli un insuccesso di mercato. La caratteristica più sorprendente della Selene è l”innovativa forma a S delle gambe,
costituita da un efficace e sottile strato in plastica privo di un nucleo solido: talee sezione conferisce loro solidità strutturale, riducendo al contempo il peso della sedia stessa.

La loro forma implica inoltre che possono essere modellate insieme alla seduta e allo schienale. Fra i suoi molti pregi, infine, la Selene è anche impilabile.

Annunci