Da un progetto ispirato Mies crea due icone: MR10 e MR20

Tale è l’apparente semplicità della sedia MR10 di Ludwig Mies van der Rohe, che guardandola di fronte viene facile pensare che sia costituita da un pezzo unico e continuo di acciaio tubolare.

Il primo sedile “libero di fluttuare”, sostenuto unicamente dalla gamba anteriore, fece veramente scalpore quando nel 1927 la sedia fu esposta a Stoccarda alla mostra Die Wohung (La Dimora), diretta dallo stesso Mies, e per la quale fu creato l’importante insediamento di edilizia popolare Weissenhof. Mies non fu il primo designer a creare e produrre una sedia a sbalzo in acciaio tubolare,.

Esposta a Weissenhof c’era anche la sedia S33 dell’architetto olandese Mart Stam, per la produzione della quale erano già stati presi accordi.

Quando i due architetti l’anno prima si erano incontrati per mettere a punto i dettagli e i progetti dell’esposizione Weissenhof, Stam aveva disegnato per Mies una idea per una sua sedia a sbalzo.

Mies ne intuì l’enorme potenziale e al momento dell’esposizione fu in grado di mostrare la propria versione.

Mentre la sedia Stam era di forma cubica, rigida e pesante nella struttura con conseguenza del rinforzo interno dei tubi, la sedia di Mies era più leggera e aveva una resilienza molleggiata alla quale contribuiva l’aggraziata curva della gamba.

Quando alla sedia aggiunse i braccioli, creando così la serie MR20, mostrata anch’essa in anteprima a Weissenhof, Mies non fece alcun tentativo di camuffare o rendere più estetica la giunzione dei braccioli e della gamba, optando per un semplice giunto a cuffia.

Perfettamente in sintonia con gli austeri interni moderni creati a Weissenhof, entrambe le versioni delle sedie di Mies riscossero grande successo e presto si vendettero in grandi quantità.

I rivestimenti disponibili erano vari e andavano da quelle interamente in pelle a quello in strisce di maglia di ferro per sedile e schienale, a quello di paglia intrecciata per sedile e schienale uniti in un pezzo unico, disegnato dalla compagna di Mies, Lilly Reich. Originariamente, oltre che nella versione nichelata, ancor oggi popolare, le sedie erano disponibili anche con una finitura di lacca rossa o nera.

Dal 1967 le due sedie sono in produzione da Knoll International; MR10 è proposta ad un prezzo di 1.074,00 euro, MR20 qualcosina in più.

 

275a_02_01_br
MR10 in vesrione pelle
miniature-mr-20-mies-van-der-rohe-vitra
MR20 (la versione di MR10 con braccioli) in pelle
7592a_jpg_1418826142_7592a
un’altra versione di MR20, si vede il giunto a cuffia tra i braccioli e le gambe della seduta
Annunci